I dischi intervertebrali

I dischi intervertebrali

I dischi intervertebrali (DI) sono le strutture fibro-cartilagenose collocate tra le vertebre ossee della colonna vertebrale. Solo le articolazioni tra cranio, prima e seconda vertebra cervicale sono privi di dischi per le loro particolarità anatomica.  I  DI sono composti di nuclei polposi centrali e di anelli fibrosi che li avvolgono.

Durante la nostra evoluzione da quadrupedi a bipedi, ai DI sono stati imposti  compiti nuovi e diversi: da cuscinetti spaziatori che permettevano solo le piegature della colonna sospesa orizzontalmente ad elementi ammortizzatori verticali contro le forze gravitazionali in posizione eretta. Le scosse continue durante il cammino eretto provocano pressione sui dischi, maggiorate sopprattutto se appesantite da sovrappeso, sollevamenti o sport particolarmente pesanti e colpi traumatici. Il risultato è l’usura dei DI che potrà iniziare già a 20 anni di età. Si manifesta in disidratazione dei DI che diminuiscono in volume, cioè diventano più sottili. Così si  formano le discopatie. Le riscontriamo più sovente tra i segmenti della schiena bassa, ai segmenti lombari L4-5 e lombosacrali L5-S1. Per combattere quest’usura prematura si consiglia di bere tant’acqua durante tutta la vita (con 70kg di peso corporeo = 2 Litri/die) per idratarsi in generale e in particolare anche i DI. Il nostro organismo si accorge del problema dei DI tramite il sistema nervoso propriocettivo e cerca poi di ricostruire i tessuti cartilaginosi degenerati. La ricostruzione discale è ardua siccome i DI normali non hanno né innervazione né vascolarizzazione e perciò non possono segnalare dolori del processo degenerativo. Il nostro corpo, per ricostruire, fa crescere nei DI una nuova vascolarizzazione ed una rete nervosa. Così facendo, i DI in questione diventano sensibili e anche dolorosi e producono mal di schiena. Questo è una scoperta recente ed ha rivoluzionato la diagnostica e cura: prima si attribuiva la lombalgia a contratture muscolari, a irritazioni infiammatorie delle articolazioni apofisarie, a schiacciamenti nervosi, alle ernie discali. Oggi si riconoscono le discopatie come possibili origini dirette dei dolori. Le vere ernie discali attive responsabili di sciatiche sono scese statisticamente a solo 1% dei casi.

La chiropratica ha sempre conservato il suo posto nel trattamento dei DI: con il rilassamento neuromuscolare, con lo stretching articolare, con la trazione vertebro-discale e con manipolazioni chiropratiche specifiche. Il nuoto e il rilassamento orizzontale nel caso di mal di schiena sono sempre raccomandati, come pure gli impacchi freddi e supplementi d’integratori di glicosaminoglucani.

Neuen Kommentar schreiben (Hier klicken)

123website.ch
Zeichen zur Verfügung: 160
OK Senden...
Alle Kommentare anzeigen

Neueste Kommentare

04.10 | 13:35
Bacino erhielt 2
15.07 | 04:30
CHIROPRATICA erhielt 10
13.02 | 17:43
Galleria erhielt 1
31.10 | 18:00
Testimonianze erhielt 8
Ihnen gefällt diese Seite
Hallo!
Probiere es selbst aus und erstelle deine eigene Webseite. Einfach und kostenlos.
ANZEIGE