La biomeccanica

Postura: 1)normale 2) cifosi e lordosi 3) perdita della lordosi lombare 4) cifosi dorso-lombare 5) schiena raddrizzata 6) cifosi dorsale
Tappeto correttore su lastra movibile e instabile

 

La biomeccanica clinica si occupa delle azioni e delle re-azioni muscolo-scheletriche e fa parte dello strumentario diagnostico e terapeutico dello specialista chiropratico. Ci si accorge della presenza di un difetto biomeccanico quando una persona si porta in posizione eretta in modo asimmetrico o storto. Quando si muove, si notano movimenti anomali e asimmetrici della colonna vertebrale e/o del bacino.  A volte sono accompagnati da un malfunzionamento delle ginocchia e delle caviglie. I difetti più frequenti sono la scoliosi e la cifosi o una combinazione delle due.  La scoliosi è definita come una deviazione laterale della colonna vertebrale, vista dalla schiena, e la cifosi come una più pronunciata piega in avanti, quando viene osservata dal profilo.

Le cause delle deviazioni sono sovente difetti congeniti delle strutture ossee (emi-vertebre o differenza della lunghezza delle gambe) o di alterazioni strutturali acquisite da traumi (fratture). Queste sono condizioni che qualche volta possono essere corrette chirurgicamente.

La maggioranza delle deviazioni sono però dovute ad alterazioni degenerative o funzionali. Le alterazioni degenerative sono l’artrosi, che concerne le strutture ossee, o l’osteocondrosi, che interessa le cartilagini e i dischi intervertebrali. Se indolori, le degenerazioni non comportano un problema e possono benissimo venir accompagnate da mezzi semplici di ginnastica e dall’assunzione di integratori alimentari.  Se invece provocano dolori, possono essere curati tramite terapie incruenti naturali e chiropratiche.

 Le deviazioni funzionali sono dovute a un portamento sbagliato, cioè a una postura deficiente. I muscoli non tengono nel giusto equilibrio la colonna vertebrale eretta. Quando vengono scoperte in gioventù (dai 7 ai 18 anni), hanno la migliore possibilità di una correzione completa. Siccome la postura viene impostata dal cervelletto tramite il sistema nervoso, per la correzione non bastano gli esercizi di rinforzo muscolare. È necessaria una riabilitazione neuro-funzionale della postura. Il metodo che usiamo è il tappetto correttivo. Si cammina sopra una lastra in movimento instabile e contemporaneamente si sottosta a una trazione assiale antigravitazionale, che raddrizza e riporta la colonna vertebrale nella postura normale. Facendo questo esercizio, si stimola l’equilibrio e il biofeedback del cervelletto, il quale impara così a mantenere la postura normale anche oltre il periodo dei trattamenti – per sempre. La cura standard comprende 10 sedute di 20 minuti dopo la liberazione e la correzione vertebrale chiropratica.

Tappeto correttore

Neuen Kommentar schreiben (Hier klicken)

123website.ch
Zeichen zur Verfügung: 160
OK Senden...
Alle Kommentare anzeigen

Neueste Kommentare

04.10 | 13:35
Bacino erhielt 2
15.07 | 04:30
CHIROPRATICA erhielt 10
13.02 | 17:43
Galleria erhielt 1
31.10 | 18:00
Testimonianze erhielt 8
Ihnen gefällt diese Seite
Hallo!
Probiere es selbst aus und erstelle deine eigene Webseite. Einfach und kostenlos.
ANZEIGE